fbpx
Seleziona una pagina
Ammetto che proprio non resisto di fronte ai piatti, sono il mio debole sulla tavola. Fosse per me avrei un servizio per ogni occasione ma poi mi tocca fare i conti con i miei 60mq di casa. Detto questo, ho trovato il giusto compromesso per offrire ai miei ospiti una tavola sempre gradevole e per stupirli piacevolmente ad ogni invito.
Essenziale è certamente il tovagliato. Una bella tovaglia ci fa iniziare già con il piede giusto, inutile sottolineare, una bella tovaglia stirata. Beh si, le pieghe non sono bene accette, nemmeno quelle che fanno intuire il verso di piegatura con la quale le avete riposte nel cassetto l’ultima volta. Se necessario infatti, dovrete armarvi di pazienza e rispolverare la stiratura. In quanto alle tovagliette o ai runner, sono una valida alternativa a patto che il tavolo ne sia all’altezza. Dimenticatevene se la superficie non è più perfetta e se il vostro tavolo, già di per sé, non ha mai convinto nessuno. Sia che scegliate una tovaglia, sia che optiate per una giovanile tovaglietta, fate attenzione alla misura. Nel primo caso ricordate che i lembi dovranno scendere di circa trenta centimetri, troppo oltre potrebbe risultare fuori luogo. Nel caso della tovaglietta invece, prendete sempre in considerazione la tipologia di pasto che state per proporre, i vostri ospiti potrebbero trovarsi in difficoltà in uno spazio troppo piccolo.

I bicchieri vanno sempre in coppia, a meno che non beviate solo acqua. Non si discute, l’economia in questo caso non è ammessa. Niente impronte. Ma come scegliere il giusto abbinamento? Vi dico la mia. Un calice rotondeggiante lo preferisco per il vino rosso e lo accompagno sempre da un altrettanto tondeggiante bicchiere da acqua. Va da sé che per il bianco prediligo un bicchiere più slanciato e azzardo accostamenti più audaci per il bicchiere da acqua. Unico accorgimento in questo caso, l’altezza: è bene che il bicchiere da acqua non superi mai lo stelo del calice. Ah, dimenticavo… ci tengo a vedere il colore e la robustezza del vino per questo detesto i calici colorati.

Il piatto. A casa, il piatto, è in ce-ra-mi-ca. Meglio organizzare un pic-nic o un barbecue in giardino piuttosto che tentare miracolose riprese con finti piatti di plastica. Ma torniamo alla scelta… Molto dipende dalla proposta certamente, ma il piatto bianco non smette mai di affascinarmi. Che sia quadrato, della nonna o dell’Ikea l’importante è che sia valorizzato nel giusto modo. Se avete intenzione di apparecchiare con il servizio a fiori della Nonna, beh, lasciate che faccia la sua meravigliosa figura da solo. Non esagerate con i colori in questo caso. Scegliete una tovaglia bianca o di una tinta neutra, abbinate magari una posata in argento ed un servizio di bicchieri in cristallo e lasciate che siano loro i protagonisti della tavola… Hanno così tanto da raccontare. Se invece scegliete un piatto più semplice, beh in questo caso possiamo lasciare più spazio alla fantasia, senza esagerare, naturalmente, state sempre mangiando. Puntate sul tovagliolo in stoffa ed organizzate un centrotavola orizzontale che dia personalità alla vostra tavola.
Il centrotavola. Enorme croce di tutti i padroni di casa e causa di sgraditi Tetris per gli ospiti. Due cose bisogna capire, due. Se avete invitato 18 persone ma il vostro tavolo è da 6, mettetevi l’anima in pace, il centrotavola no. E ancora, a meno che non disponiate della tavola rotonda di re Artù, un centrotavola alto 50 centimetri non potrete permettervelo. A parte queste due accortezze, il resto è facile: non esagerate. Pensate ad una soluzione fai da te che valorizzi la vostra creatività, magari utilizzando le mie Bottiglie Ripiene, oppure disponete per tutta la lunghezza del tavolo dei lunghi rami di fiori, tipo rose selvatiche bianche. Di straordinario effetto anche semplici barattoli in vetro con della nebbiolina o delle ortensie. Boicottate fiori troppo profumati perché durante il pranzo, l’odore, potrebbe risultare spiacevole.
Ultima chicca. Qualcosa che lasci il segno e che possiate anche offrire come cadeau ai vostri ospiti. Un segnaposto, un sottobicchiere o un portatovagliolo. Qualsiasi cosa, purché sia fatta da voi… e in questo caso, per un’idea, siete certamente nel posto giusto!